I luoghi :: Amalfi

Allo sbocco della Valle dei Mulini, Amalfi si affaccia dolcemente sul mare con il caratteristico insieme di case aggrappate alla roccia, di stradine anguste tra un disegno di archi e di angiporti, di torri antiche a guardia del paese.

Amalfi fu fondata dai Romani intorno al IV secolo d.C.. L'affermarsi come Repubblica Marinara nell'Alto Medioevo, gli intensi rapporti con il mondo arabo e bizantino ne fecero una "città ricca e opulenta" in tutto il bacino del Mediterraneo.

Famosa per i suoi traffici e le sue relazioni diplomatiche, legò il suo nome alla bussola di Flavio Gioia ed alle Tavole Amalfitane, il primo tra i codici di diritto marittimo.

La carta bambagina, che ancora oggi si fabbrica nelle vecchie cartiere, sostituì le pergamene degli atti curiali nel Ducato di Napoli ed i limoni, nella loro varietà esclusiva di "sfusati amalfitani", varcarono i confini nazionali per l'Europa e per il mondo.

Il valore artistico e architettonico dei monumenti, l'indescrivibile bellezza del paesaggio, il folklore delle tradizioni ne hanno fatto e ne fanno una località incomparabile tanto da far dire a Renato Fucini che "per gli Amalfitani che andranno in Paradiso sarà un giorno come tutti gli altri".

Come arrivare

autostrada A3, uscita Vietri sul Mare a km. 20, proseguire lungo la S.S. 163.

Il Comune è raggiungibile anche mediante autobus di autolinee pubbliche.

Spicchi di Cultura e Natura ad Amalfi

  • Museo Civico
  • Museo della Carta
  • Museo Diocesano
  • Museo di civiltà contadina, arti e mestieri
  • Chiostro del Paradiso
  • Chiostro di San Pietro a Tuczolo
  • Chiostro dei Padri Minori conventuali
  • Palazzo Municipale
  • Arsenali della Repubblica
  • Torre Capo di Vettica
  • Castello e resti della torre di Pogerola
  • Torre del Tumulo o Capo d'Atrani
  • Cattedrale di Sant'Andrea
  • Basilica del Crocifisso
  • Campanile della Cattedrale
  • Cripta della Cattedrale
  • Riserva Naturale Orientata Valle delle Ferriere
  • Valle dei Mulini
  • Antiche Cartiere